Posts contrassegnato dai tag ‘americana contemporanea’

La voce di una intera generazione, il libro d’esordio che ha lanciato il grande Bret Easton Ellis, così mi è stato descritto questo romanzo dal mio docente di Scrittura Creativa prima che mi ci accostassi. Peccato che, nonostante il minimalismo linguistico, il cinismo imperante e la scrittura fluida, qualcosa di più me l’aspettassi.
Il protagonista, Clay, è il classico figlio di papà tutto abbronzatura e occhiali da sole di ritorno in California per le vacanze di Natale dopo un semestre universitario nella East Coast. Ecco, la trama è questa: si passa dalla festa A alla festa B alla festa C, intervallando il tutto con snuff movies, sesso casuale di gruppo e cocaina come se piovesse. Non c’è molto altro, e forse questo è il grande pregio e difetto della storia, perché se lo stile di Ellis è micidiale nel suo essere volutamente scarno, lo stesso non posso dire dei contenuti, ridondanti, che alla lunga stancano. Meno di zero mi ha comunque trasmesso un grande senso di vuoto, una pochezza di sentimenti nelle relazioni umane che fatico a comprendere.
Forse negli anni 80′ e alla luce di quel contesto lo avrei apprezzato di più, ma così è solo un libricino freddo, asettico come i cuori dannati dei personaggi che lo animano, e che si termina in un pomeriggio lasciando comunque, devo ammetterlo, la voglia di approfondire l’autore. Tutto sommato non mi è dispiaciuto, anche se è lontano dall’essere quel cult che mi ero immaginato.